Archivio Scientifico
Patologia e chirurgia dell'orecchio
Otoneurochirurgia e base cranica
Neurinoma e altri tumori della base cranica

Naso e seni paranasali

Gola e laringe

Russamento

Vertigini ed equilibrio

Acufeni
Foniatria
Esami ORL e strumentali
L'angolo del pediatra
Radiologia
Indice dell'archivio
 
OtoRinoLaringoiatri Associati
Equipe
Dove visitiamo
Chirurgia privata
Chirurgia convenzionata
Contatti
 

Torna alla Home Page

 

PATOLOGIA E CHIRURGIA DELL'ORECCHIO
SCHEDA 1
SCHEDA 2
SCHEDA 3
SCHEDA 4
SCHEDA 5
SCHEDA 6

TUBI DI VENTILAZIONE TRANSTIMPANICI - DRENAGGI - TVTT

I TUBI DI VENTILAZIONE TRANSTIMPANICI (TVTT, anche conosciuti come drenaggi transtimpanici o grommets) sono piccoli tubicini di materiale sintetico che si inseriscono nella membrana timpanica attraverso una piccola incisione. Il loro scopo è quello di aerare l'orecchio medio, consentire l'eliminazione di tutte le secrezioni, permettere la guarigione della mucosa infiammata ed ottenere il recupero della diminuzione di udito.

I TVTT NON CURANO LE CAUSE DELL'OTITE ma prevengono l'ulteriore evoluzione e le complicazioni della malattia, evitano danni permanenti a carico della membrana timpanica e degli ossicini (sordità di trasmissione) e prevengono danni irreversibili a carico dell'orecchio interno (sordità neurosensoriale).

Fig. 1: 1 - Incisione del timpano, 2 - Posizionamento del TVTT, 3 - TVTT in sede

L'operazione dura pochi minuti e nel paziente adulto può essere effettuata in anestesia locale, iniettando una piccola quantità di anestetico (simile a quello utilizzato dal dentista per le cure dentarie) nel condotto uditivo esterno. Nel bambino è necessaria un'anestesia generale e lo specialista deciderà se associare un intervento di adenoidectomia ed eventualmente di tonsillectomia.

Fig. 2: TVTT in sede. Sono disponibili diversi modelli di tubicini che differiscono tra loro solo per il design ed i materiali di costruzione. La loro funzionalità è molto simile e la scelta dipende sostanzialmente dalle abitudini del chirurgo.
Fig. 3: TVTT a permanenza. E' un particolare tipo di tubicino che viene utilizzato nei casi di ripetute ricadute della malattia (otite con effusioni), quando si suppone una grave disfunzione tubarica. A differenza degli altri TVTT non viene espulso spontaneamente dalla MT.

I TVTT non vengono rimossi, salvo casi molto rari, e rimangono in sede generalmente per un periodo variabile da 6 mesi fino a 2 anni. Entro tale periodo di tempo vengono generalmente espulsi spontaneamente dall'orecchio e la membrana timpanica si richiude. Non causano disagio ma richiedono alcune attenzioni poichè non deve assolutamente entrare acqua nell'orecchio.

Per tutto il tempo della loro permanenza dovrà essere evitata la pratica del nuoto sia al mare che in piscina. Per la doccia o il bagno potranno essere utilizzati appositi tappi in materiale sintetico per proteggere il condotto uditivo esterno. Alla dimissione dopo l'intervento vi verranno fornite tutte le istruzioni valide per il decorso post-operatorio.

Rischi e complicazioni
Oltre ai comuni rischi dell'anestesia ed a quelli comuni a qualsiasi tipo di intervento, le complicazioni più frequenti dell'applicazione di tubi di ventilazione transtimpanici, con o senza adenoidectomia e tonsillectomia, sono i seguenti:
Infezione
Queste sono molto rare e possono comunque essere facilmente controllate con antibiotici
Sordità
E' rarissimo che si abbia una sordità dopo tale tipo di intervento
Perforazione della Membrana Timpanica
Con tale intervento si esegue una perforazione temporanea della membrana timpanica. Talvolta, quando il drenaggio (tubicino) viene espulso, la membrana timpanica non si chiude spontaneamente. In questi casi la perforazione potrà essere chiusa chirurgicamente in un secondo tempo.

LE INFORMAZIONI SCIENTIFICHE E DIVULGATIVE CONTENUTE IN QUESTO SITO SONO BASATE SULLA NOSTRA ESPERIENZA E RIFERISCONO OPINIONI PERSONALI del dott. Fernando Mancini e della dott.ssa Manuela Sacchi, specialisti in Otorinolaringoiatria
PER OGNI DISTURBO E' NECESSARIO CONSULTARE IL PROPRIO MEDICO CURANTE O IL PROPRIO SPECIALISTA

tutte le comunicazioni con i pazienti che desidereranno contattarci saranno trattate nel rispetto delle leggi vigenti sul diritto alla privacy

QUESTO SITO NON RICEVE FONDI, DONAZIONI O SPONSORIZZAZIONI PUBBLICITARIE DI ALCUN TIPO ED E' FINANZIATO INTERAMENTE DA:
OtoRinoLaringoiatri Associati, associazione professionale
dott. Fernando Mancini, dott.ssa Manuela Sacchi
Corso Stati Uniti, 39 - 10129 Torino, Italia
tel. 011 3044000 fax 011 5089275 e-mail: info@orl.it
p.IVA 10209260016

Copyright © 2009 OtoRinoLaringoiatri Associati - Tutti i diritti riservati
per segnalazioni scrivere a: info@orl.it
ultimo aggiornamento: Maggio 19, 2013 5:34 PM